Casinò online, legalizzazione in Germania. Assenti regole Ue

La maggioranza dei Lander aggiravano ai divieti e così la Germania su tutto il territorio legalizza i casinò online. Via Internet più di 700 aziende permettono di scommettere con le slot machines. Se con queste poche righe vi è venuta voglia di provare cliccate su https://www.vegasplus.info/ e iniziate a scommettere.

Le aziende più grandi si trovano a Malta e non in Germania. Sono lì perché ci sono le imposte ridotte annualmente del 5% e per l’assicurazione all’ingresso nel mercato europeo.

Nel 2009 nell’isola erano presenti 500 aziende per il gioco d’azzardo sulle quali contava l’Unione Europea. Le entrate erariali dovute alle licenze rappresentano per Malta il 12% del prodotto lordo.

Giro d’affari con i casinò online

Con i casinò online si muove un giro di affari che è stato stimato intorno ai 40 miliardi annui a livello mondiale e di un miliardo per la Germania. Quest’ultima viene considerata per l’Europa il mercato maggiore dopo il Regno Unito.

La piazza viene incrementata dagli influencer con i video su you tube e twitch nei quali invogliano il pubblico a giocare offrendo anche dei bonus di benvenuto. In Germania Jens Knosalla supera il milione di follower sul suo sito.

Gli streamer con i loro video incassano il 50 per cento per i clienti che si iscrivono nelle piattaforme. In questo modo il numero degli scommettitori cresce vistosamente.

Regole per il gioco online in Germania

La Germania con le licenze nazionali impone delle regole che portano ad un maggior controllo a tutela dei giocatori. Ci sono per legge dei limiti per la pubblicità del gioco online e per giocare c’è l’obbligo di un profilo anagrafico.

Queste regole permettono il controllo per i minori che non possono accedere e per i giocatori patologici. Altra limitazione è l’importo mensile che può essere caricato per scommettere che non può superare i 1000 euro al mese.

Sembra per molti che l’introduzione di queste regole sia un’abdicazione da parte dello Stato relativamente ad un problema che nella società produce molti danni. 430mila persone sono prese dal vizio on line per la roulette in Germania ed il numero si va implementando.

L’Italia e la sua gestione dei siti online

Il legislatore tedesco sta intraprendendo la stessa strada che viene utilizzata in Italia. Già dal 2012 l’Agenzia delle Dogane gestisce le scommesse online legali e i siti devono avere la licenza ADM.

L’utente all’atto della registrazione si deve identificare inserendo un documento di identità e può comunque inserirsi anche in più casinò. Tracciabilità per il denaro che circola online.

In Europa, l’Italia è stata la prima ad introdurre il registro unico dei giocatori online auto esclusi. Questo fa si che i ludopatici possono escludersi su i siti di offerta autorizzati al gioco.

Aumento del gioco online

Abbiamo trascorso un periodo molto critico che ha costretto i giocatori a stare lontani dalle agenzie di scommesse ma nessun freno c’è stato per l’i-Gaming. Disponibilità e accessibilità sono i criteri di quest’ultimo che portano gli utenti a diventare dei giocatori abituali.

Ancora però manca una normativa unica comunitaria. Il Libro Verde sul gioco d’azzardo on line pubblicato dalla Commissione Europea minimizza il problema dei casinò online.

Sicuramente in questo momento gli Stati membri hanno bisogno di guadagnare visti gli effetti del Covid e quindi si passa sopra anche al rischio del gioco patologico.