Consigli di viaggio sulla costa occidentale del Salento

Voglia di vacanze in Salento

Da quando il Presidente del Consiglio Draghi ha parlato della possibilità di ottenere una carta verde per spostarsi liberamente nonostante la situazione dovuta al Covid-19, le prenotazioni per le vacanze estive sono letteralmente impennate.

Anche quest’anno, tra le mete più gettonate rimane il Salento, che non ha nulla da invidiare a nessun altro posto in quanto a bellezze delle spiagge e del mare, ricchezza culturale, bontà culinarie e tradizione.

In questo articolo ci soffermeremo sulla zona occidentale del Salento, menzionando quali sono i posti che meritano almeno una visita durante il nostro soggiorno, e termineremo con qualche consiglio utile.

Le spiagge più belle della costa ovest

Partendo dall’alto Salento, troviamo Campomarino di Maruggio, classificata tra le spiagge più belle d’Italia, dove tratti di spiaggia si alternato a quelli di scogliera. La macchia mediterranea a ridosso della spiaggia offre riparo dal sole per chi non sopporta troppo la canicola estiva.

Nell’alto Salento troviamo anche le bellissime zone costiere di Marina di Pulsano e di San Pietro in Bevagna. Sud sud vacanze è un portale ricco di offerte interessanti per prenotare la location ideale per la nostra vacanza nell’alto Salento.

Scendendo sulla costa arriviamo a Porto Cesareo. Torre Lapillo è conosciuta per le spiagge spaziose e fatte di sabbia bianchissima. L’acqua ha dei riflessi turchesi e fa si che anche questa zona sia sul podio dei mari più belli d’Italia.

Arriviamo così nella riserva naturale di Porto Selvaggio. Dovremo lasciare la macchina in un parcheggio distante qualche centinaio di metri dalla spiaggia, ed attraversare a piedi una discesa nella tipica macchia mediterranea. Lo spettacolo che si aprirà alla nostra vista ci ripagherà di ogni fatica. Questa spiaggetta non è molto attrezzata, e forse questo la rende ancora più bella ed incontaminata. La scogliera, che si trova su ambi i lati, offre la possibilità di esplorare grotte ed insenature che accolgono i pesci colorati che si nutrono della vegetazione sulle rocce. Le correnti di acqua fredda sono dovute alle tante sorgenti che si trovano in questa zona.

Arriviamo così a Gallipoli. La città merita sicuramente una visita. Il centro storico è ricco di vicoli stretti e le facciate delle chiese attirano subito l’occhio grazie allo stile conosciuto come barocco leccese.

Scendendo ancora troviamo Punta della Suina, un piccolo angolo di paradiso. E come non menzionare Marina di Pescoluse. Le Maldive del Salento sono rinomate per il colore della sabbia, per la bassa marea e per il colore dell’acqua che non ha nulla da invidiare a quello delle Maldive. Ci sembrerà di essere ai tropici!

Qualche consiglio finale

Se abbiamo intenzione di spostarci ogni giorno in una zona diversa, potremmo prendere in considerazione l’idea di affittare una casa o un bed and breakfast in uno dei tanti paesi dell’entroterra, piuttosto che sulla costa. I prezzi sono molto più bassi e le località sono meno affollate.

Prima di partire per il mare, consultiamo il meteo. Di solito, quando il versante adriatico e mosso, quello ionico non lo è, e viceversa. E non dimentichiamo di passare almeno qualche serata alle feste di paese per gustare le bontà gastronomiche tipiche della zona e per fare un tuffo nel folklore salentino.